Liana Gukasyan

"Angels Animals"
13 ottobre 2018
a cura di Domenica Maria Papa

La pittura di Liana Gukasyan è un evento, più che un oggetto.
Nella ricerca dell’artista armena, infatti, è possibile rintracciare delle storie, spesso con connotazioni oniriche e perturbanti: sono storie che mettono in scena corpi e protagonisti incerti, impegnati nel confronto anche violento tra i sessi, ma anche nelle più tenere relazioni di sentimenti. Sono storie aperte, che cioè presuppongono un’interpretazione da parte dell’osservatore e sempre una diversa soluzione in un’opera successiva, dipinto, disegno o installazione che sia.
La pittura è un evento perché impone di gettare uno sguardo su un momento di quelle storie, un singolo momento, nemmeno forse cruciale, di certo sospeso tra un accadimento e un altro.
La pittura è un evento nella quotidianità dell’artista e di quella quotidianità si fa carico, scoprendone le radici lontane che affondano nell'antichissima cultura armena, nel dramma del genocidio, nella diaspora di un popolo che si fa vita errabonda e memoria della persona.


 


 


 

© Nuvole Arte 2009 — 2020 • Build with Indexhibit